lunedì 27 luglio 2020

REVIEW TOUR "INGANNO FATALE A MANHATTAN" DI BRENDA MlLL

L'immagine può contenere: 3 persone, testo e primo piano

Buon pomeriggio lettori, 
questa settimana inzio con il review tour del secondo volume della serie Inganni di Brenda Mill, Intrigo fatale a Manhattan. Ringrazio Emy Rose per l'organizzazione. 



INGANNO FATALE A MANHATTAN
Brenda Mill

Editore: Auto pubblicato
Prezzo: Ebook € 0,99 
Pagine: 273
Genere:  Romance, romantic suspense
Serie: Inganni v. 2

Trama: Manhattan, Gennaio 2015. 

Phoebe Stone è tornata e brama vendetta. Ha esattamente ottantadue motivi per desiderarla: tanti quanti i minuti che le hanno devastato la vita. Lord Black, invece, si muove nell'ombra, come una pericolosa ameba pronta a stritolare la preda a tempo debito. Burattini e burattinai stanno per rivelare la verità sulla confraternita più annoiata e perversa di Manhattan: “Chi e perché ha abusato della piccola, e non più tanto ingenua ereditiera della famiglia Stone? ” Per sbrogliare il bandolo di questa complessa matassa non resta che una scelta, l' unica possibile: firmare un' alleanza con il nemico, un patto che duri per sempre. Mentre i giochi perversi crescono e gli intrighi di potere si moltiplicano, l' alta società si sta per riempire di nuove presenze. Phoebe Stone, infatti, dovrà districarsi tra un fratellastro borioso e una ballerina tutt'altro che aggraziata. Con un solo e pericoloso obbiettivo: giungere al cuore dell'uomo che ama, ammesso e non concesso che lui ne possegga uno. Daniel Green dal suo canto, dopo la notte d'amore trascorsa con lei, tenta per mille volte di spiegare la sua verità. Ma si sa, Phoebe è testarda e con le persone testarde c'è poco da ragionare, almeno sinché non sbattono la testa contro le proprie convinzioni. Quindi, persino l'amore perde importanza, contano yacht, jet privati, ville sontuose e moto sportive, in attesa di un errore fatale della BVQBL. Tra equilibri vecchi e nuovi, qualcuno perderà la vita, altri ne acquisteranno una nuova. Per scoprire che nulla è come sembra. Le luci di Manhattan si spegneranno, le maschere finalmente cadranno, per svelare il re dei dilemmi: Chi è Lord Black?

Recensione 

Un mese fa vi ho parlato del primo volume di questa serie che, con un bel cliffhangher finale, mi aveva lasciato con qualche perplessità.

Speravo che questo secondo volume non mi desse solo risposte ma mi coinvolgesse in una storia intricata ma un po' più realistica; invece, ad ogni risposta ottenuta ho sbattuto la testa contro una situazione ancor più irreale. Sicuramente trama intrigante e ricca di colpi di scena: la storia, da questo punto di vista, non dà tregua  e mantiene attenzione e tensione sempre alti ma ho trovato tutto troppo esagerato, troppo fuori dalla normalità, situazioni e personaggi tirati troppo all'estremo da risultare poco credibili.

Per prima cosa i protagonisti hanno tra i diciassette ed i diciotto anni ma si muovono e si comportano come adulti navigati quando vogliono dimostrandosi, invece, molto ingenui quando servirebbe maturità: la protagonista, Phoebe, subisce un abuso e l'unica cosa che fa è bramare vendetta diventando un angelo spietato senza dire nulla a nessuno... capisco la vergogna ed il desiderio di non condividere il trauma ma un controllo medico per scongiurare la possibilità di aver contratto una gravidanza od una malattia, no?

Poi cambia atteggiamento troppo repentinamente, dimostrandosi a volte viziata, a volte assurdamente testarda con comportamenti altalenanti nei confronti degli amici (che non sono da meno di lei) e si tuffa in qualcosa di pericoloso senza tanti problemi....ripeto, capisco la vendetta ma buttarsi nella bocca del drago non mi sembra una grande vendetta.
Il drago in questione è una setta segreta che ha tra i suoi adepti tutti i rampolli dell'alta società ed è capitanata da Lord Black, un annoiato personaggio che organizza feste e  festini a volte molto pericolosi. Non discuto sulla setta e sulle sue usanze, anche se mi viene sempre da pensare che certe persone dovrebbero andare a lavorare in miniera tutto il giorno  per vedere se alla sera hanno ancora voglia di fare festa, ma sulla profezia legata alla setta che ne decreterebbe la fine al suo avverarsi: ma se porta alla fine perché Lord Black fa di tutto per farla avverare? Davvero, ho riletto i punti dove se ne parla due volte perché ero convinta di aver letto male ma il risultato è stato lo stesso....chiedo venia all'autrice se ho capito male.

Ci sono altri punti nella trama e nella costruzione dei personaggi che mi hanno fatto storcere un po' il naso ma non li sto ad elencare per non fare spoiler: mi dispiace, proprio,  non essere riuscita ad apprezzare completamente la storia perché il potenziale c'è ed anche la narrazione è scorrevole e si legge velocemente.

1 commento:

  1. devo dire che non mi viene voglia di leggerlo questo libro, peccato però

    RispondiElimina