lunedì 10 ottobre 2016

BEASTLY - RECENSIONE

BEASTLY
DI ALEX FLINN

EDITORE: GIUNTI
GENERE:  YOUNG ADULT, URBAN FANTASY
PAGINE: 375
PREZZO: € 9.90 CARTACEO

TRAMA
Kyle Kingsbury, ricco, bello e popolare si prende gioco di una ragazza piuttosto bruttina della sua classe di nome Kendra, una vera e propria strega in incognito. Lei allora lo maledice per la sua cattiveria, tramutandolo in una bestia; gli concede però due anni per rompere l'incantesimo, perché pochi istanti prima di trasformarsi, Kyle compie un atto di gentilezza, donando alla ragazza della biglietteria una rosa che la sua partner si era rifiutata di indossare per il ballo. L'unico modo di rompere l'incantesimo e ritornare alla sua bellezza è amare ed essere corrisposto.

SORSEGGIANDO IL CAFFE'

Questo romanzo è una rivisitazione in chiave moderna della favola de La bella e la bestia, una delle favole che preferisco.


Kyle è un sedicenne bello, ricco, altezzoso, superbo e...cattivo! Sì perché gli piace mettere in imbarazzo le persone, soprattutto prendere in giro quelli che non sono belli come lui e che quindi sono degli "sfigati" e quasi non sono degni di stare in questo mondo!  Ma, un giorno, se la prende con la persona sbagliata, perché la brutta e goffa Kendra è una strega e con un incantesimo lo trasforma in un mostro peloso! 

Come in ogni fiaba che si rispetti, solo il vero amore potrà farlo ritornare come prima. Ma per innamorarsi ed essere ricambiato da una ragazza ha solo due anni di tempo, altrimenti resterà bestia per sempre.
Il ragazzo è disperato e rassegnato: abituato al lusso e alla bellezza ed essendo sempre stato circondato da persone del suo "rango" immagina che nessuno lo vorrà mai. 

Perché Kyle è così cinico? E'  cresciuto senza una madre e con un padre che ha sempre messo il lavoro al primo posto: mai una carezza, mai una parola di conforto. Ora che si ritrova con un figlio inguardabile, l'unico pensiero è quello di nasconderlo agli altri e di allontanarlo da casa affinché non gli causi problemi sul lavoro. Problemi a lui??? E pensare a come si può sentire il figlio in quella situazione? Stargli vicino e confortarlo? Non se ne parla proprio. Lontano dagli occhi, lontano dal cuore!

Ma Kyle, rinchiuso in casa, ha molto tempo per pensare e rivalutare le priorità della vita e a diventare più umile, altruista, disponibile. Infatti, solo quando ci viene tolto qualcosa se ne comprende la reale importanza e si capisce che non si deve dare nulla per scontato. Ogni più piccola cosa assume un significato maggiore: quanta bellezza sfocia, per esempio,  da una semplice rosa? E quanta gioia può dare ad una persona ricevere un semplice fiore? Ed ecco che tutto il suo tempo, perché ora ne ha veramente tanto, lo dedica a costruire un giardino bellissimo, pieno di colori e profumi. E sarà forse, una semplice rosa a salvargli la vita.

Il libro si legge velocemente grazie ad una scrittura lineare e semplice ed è sicuramente indirizzato ad un pubblico giovane. 
L'unica cosa che non mi è piaciuta e che ho trovato superflua sono le quattro/cinque conversazioni che Kyle fa in una chat di "ragazzi mostri"( tipo il principe  ranocchio, la sirenetta...) seguiti da uno psicologo: alla storia veramente non servono! 

E' una storia leggera che regala qualche ora di svago, ma trasmette anche un messaggio ben preciso: non si deve avere paura del diverso, del brutto.  L'aspetto più importante in una persona sono le sue azioni e non l'aspetto fisico. Tutti possono trovare l'amore, basta meritarselo.



20 commenti:

  1. Ciao Erica! Io ho amato questo libro, ma è davvero difficile che qualcosa inerente a "La bella e la bestia" non mi piaccia!
    Le chat capisco perché non ti siano piaciute, ma in qualche modo sono utili perché il libro in realtà fa parte di una serie in cui compare sempre Kendra e gli altri personaggi della chat si ritrovano in queste storie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, non sapevo che faceva parte di una serie. In questo caso, le capisco di più!

      Elimina
    2. non lo sapevo nemmeno io!
      quando avevo letto questo libro avevo avuto le tue stesse perplessità Erica! bhe a quanto pare mister svelato :)

      Elimina
    3. Ah..bene, non sono stata l'unica a d avere qualche perplessità!!

      Elimina
  2. Questo libro l'ho letto qualche anno fa e ricordo che mi era piaciuto molto. Come hai detto è una storia semplice e lineare, però ben gestita. Sarei curiosa si leggere il pdv di lei, però il libro è uscito solo in inglese (ma tanto prima o poi lo prendo lo stesso)! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ho sentito del pov femminile, ma se è in inglese per ora sorvolo

      Elimina
  3. Ho visto il film che ne è stato tratto, ma il libro non l'ho ancora letto sebbene sia in TBR da una vita! >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me il film non ha fatto impazzire. Il libro è molto più bello!

      Elimina
    2. Secondo me il film non è male nel complesso

      Elimina
  4. Letto tempo fa, mooolto carino. E ho visto pure il film, che secondo me carino lo è un po' meno :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si il libro è meglio, però il film non è stato costruito male anche se avrei fatto Kyle un po' più..peloso!!

      Elimina
  5. Il libro mi è piaciuto davvero molto, è uno dei remake più carini della Bella e la Bestia che preferisco! Il film, invece, non mi è piaciuto altrettanto! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me il film non è dispiaciuto, anche se il libro dà sempre qualcosa di più

      Elimina
  6. Di solito i libri tratti dalla storia de La bella e la bestia sono sempre carini, devo segnarmi questo titolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, sarà perché la storia di base è buona!

      Elimina
  7. lo lessi diverso tempo fa e ne ho un ricordo piacevole; una storia molto piacevole :)

    RispondiElimina
  8. Ciao! Ho letto questo libri diversi anni fa, prima dell'uscita del film, ed è stato un retelling interessante, mi è piaciuto =)

    RispondiElimina
  9. Ciao 😊 lo sto leggendo proprio adesso e mi sembra molto carino e neanch'io ho capito a che serve il pezzo della chat... forse si capirà dopo?

    RispondiElimina