venerdì 9 novembre 2018

GRUPPO DI LETTURA "LA CITTA' DI SABBIA" DI LAINI TAYLOR: CAPITOLI 16-21


Buongiorno lettori,
oggi è il mio turno con una tappa del gruppo di lettura de La città di sabbia di Laini Taylor.

LA CITTA' DI SABBIA
DI LAINI TAYLOR

SERIE LA CHIMERA DI PRAGA V. 2
EDITORE: FAZI
GENERE: URBAN FANTASY
TRAMA:
Dopo aver viaggiato nello straordinario mondo de La chimera di Praga e aver scoperto i segreti di Karou, allieva di uno stregone e talentuosa disegnatrice, chimera dai capelli blu che si innamora pericolosamente di Akiva, un serafino bellissimo, ecco il secondo tempo di questa grandiosa avventura, figlia della penna di una scrittrice già finalista al prestigioso National Book Award.

La studentessa d’arte Karou ha finalmente le risposte che ha sempre cercato. Sa chi è e cosa è. Ma, insieme a questa scoperta, un’altra verità affiora in superficie, una realtà che la ragazza farebbe di tutto pur di ignorare: ha amato un ragazzo che le è nemico, lui l’ha tradita e per questo il suo mondo è sconvolto. Ora, in una kasbah dimenticata nel deserto del Marocco, Karou e i suoi alleati si preparano a uno scontro definitivo contro l’armata dei serafini e sotto la luce delle stelle plasmano creature di potente forza distruttiva. Akiva, legato dall’appartenenza all’esercito degli angeli, ma gravato da un profondo conflitto interiore, inizia a progettare un altro tipo di battaglia: quella per il riscatto. Per la speranza. Costellato da scene drammatiche e scenografie impossibili, La città di sabbia porta i due protagonisti sui fronti opposti di una guerra antichissima che ha acquistato nuovo vigore. In una dimensione fantastica descritta nei minimi particolari, Laini Taylor dà vita a un mondo intero dove la combattuta storia d’amore tra Karou e Akiva diventa il simbolo della lotta per la pace universale.

Ma la speranza può rinascere dalle ceneri dei sogni infranti?


-------------




CAPITOLI 16-21
ATTENZIONE SPOILER

Abbiamo finalmente ritrovato Karou, che ha preso il posto di Sulphurus e sta creando corpi per le chimere e la sua stanza è proprio sopra quella di...Thiago.
(Vicino a Thiago.....ma non è quello che l'ha fatta decapitare?!?!? Che ci fa con lui?!?!? Lui sa chi è veramente Karou????)

A Karou è caduto un dente in una fessura del pavimento e Thiago glielo ha riportato.  Si capisce che Thiago vuole entrare nella stanza, vuole parlare con la ragazza,  ma Karou è diffidente, vicino a lui si sente piccola e debole, insomma, lui  è pur sempre quello che l'ha fatta uccidere.
Karou sta creando corpi per le chimere che, senza ali e troppo pesanti da trasportare, non possono attraversare il portale perchè...sorpresa sorpresa....Karou non è a Eretz ma in una qualche località dispersa sulla terra. Karou ad Eretz doveva continuare a nascondersi, non si sentiva sicura, da lì l'idea di portare le chimere nel mondo umano.
Karou è combattuta, non sa più cosa è giusto e cosa è sbagliato. non sa se ha fatto bene a portare le chimere sulla terra, non sa se è giusto creare corpi, non sa se è giusta la guerra con i serafini, ma si sente responsabile della morte di Sulphurus ed anche della distruzione delle chimere.

Thiago vuole aiutarla

Noi siamo gli eredi Karou, Ciò che mio padre e Sulphurus sono stati per il nostro popolo, io e te siamo per coloro che ne restano

Le chimere rimaste  hanno posto nelle loro mani tutte le speranze di sopravvivenza e loro due devono lavorare insieme per il bene della loro specie. Ma Thiago 

è anche stranamente gentile, affettuoso e si offre di pagare il tributo di dolore al posto di Karou. Per creare un corpo servono i denti e la magia, ma la magia si ottiene in cambio del dolore. Thiago è felice di risparmiare dolore a Karou (che, invece, è felice lui soffra un po'!!!) e si scusa per quello che ha fatto: lui era follemente innamorato di Madrigal e vederla con Akiva lo ha fatto impazzire ed ha agito in modo sconsiderato. Doveva punirla ma non con l'evanescenza e, nonostante non fosse sempre d'accordo con Sulphurus, è contento che lui l'abbia salvata.
Karou spera che l'anima di Sulphurus sia da qualche parte ed è contenta, per certi versi, che non debba più sopportare il peso di creare dei corpi, perché è faticoso dal punto di vista psicologico.

Intanto, la rivolta delle chimere è iniziata e in cinque posti diversi i ritornati hanno attaccato i serafini, li hanno uccisi, deturpati ed esposti alla vista, insieme a dei messaggi

"Dalle ceneri siamo risorti" 


Lo spettacolo che si ritrova davanti una carovana di schiavi chimere è piuttosto inquietante ma rinvigorisce gli animi degli schiavi che di notte si mettono a cantare all'unisono appena prima di venire liberati dalle chimere che distruggono ed uccidono tutti gli aguzzini e lasciano nuovamente un messaggio

                                                       "Siamo risorti, tocca a voi morire"

Madrigal e Akiva si erano immaginati un mondo senza guerra, senza eserciti e, di sicuro, non è questo mondo.

Akiva, Liraz e Azael arrivano nel luogo del massacro. Lo spettacolo è racapricciante ma Akiva non si stupisce: un massacro per un altro massacro, così funzionano le cose. Akiva non giustifica le chimere ma trova normali le loro azioni. Akiva, che è chiamato anche la Sventura delle Bestie, è considerato un serafino di livello superiore anche se è un illeggittimo come tutti gli altri. Un soldato serafino gli spiega quello che deve essere successo e che gli antichi mostri non sono davvero morti. Akiva è perplesso, lo ritiene impossibile perché lui stesso era presente quando Joram ha ucciso il Signore della guerra e Sulphurus (allora è veramente morto....io spero come Karou che ci sia la sua anima da qualche parte e lei riesca a recuperarla)

Akiva si rende conto che non ci sarà mai una fine a quello strazio, che ci sarà sempre la guerra e s'immagina un mondo di pace come avrebbero voluto lui e Madrigal.

La scena si sposta su due giovani chimere schiave, Sveva e Sarazal, appena liberate dai resuscitati, che stanno cercando di tornare a casa ma Sarazal è ferita e sta male. Sveva, la più giovane, è disperata ma viene in loro soccorso un ragazzo chimera che era nella stessa carovana di schiavi e le aiuta a fuggire perché stanno arrivando i Serafini e stanno bruciando tutto.

                                                                        --------------

Non ho ancora capito bene se questo secondo libro mi sta piacendo o meno. Di sicuro, il primo volume all'inizio mi aveva preso di più. Questo, per il momento, è un miscuglio di cose buttate lì che  svelano alcuni fatti, che sono il proseguimento della storia, ma ci sono anche tante cose che servono a poco. Per esempio, non ho apprezzato le email di Zuzana....non per il contenuto perché sono fortissime ma per la loro inutilità nella storia che già di suo è incasinata.
Per fortuna, sembra che Madrigal sia presente solo vagamente in qualche ricordo e mi piace la diffidenza che Karou prova nei confronti di Thiago.... saggia ragazza perché anche a me il comportamento del principe chimera non convince del tutto....troppo buono.
Akiva mi piace per le riflessioni interessanti che fa sulla guerra ma, per il momento, mi sembra passato in secondo piano.....ecco....ci sono tanti personaggi ma nessuno predomina.
Insomma, diciamo che non mi sta piacendo questa narrazione troppo spezzettata. Spero ritorni più lineare.
Voi cosa ne pensate?

Come sempre, su facebook trovate una pagina dove poter commentare, fangirlare, disperare insieme a noi

Ed infine, ecco il calendario con le tappe ed i blog partecipanti.



15 commenti:

  1. Primi capitoli molto statici e confusi anche per me. Non capisco dove ci voglia portare la Taylor

    RispondiElimina
  2. Anche io sono rimasta un po' spaesata da questa narrazione spezzettata, soprattutto per quanto riguarda l'ultimo capitolo che vede protagonisti due nuovi personaggi mai incontrati prima. Credo però che tutto abbia un senso, quindi presto scopriremo il perché di questa scelta dell'autrice (o almeno spero!). Comunque sto apprezzando ugualmente la storia! Thiago non mi convince assolutamente...

    RispondiElimina
  3. Erica sono pienamente d'accordo con te. ho provato le tue stesse emozioni. non riesco a capire dove vuole arrivare la Taylor, per ora i capitoli nonostante si leggano piuttosto facilmente, non portano a nulla. troppe cose spezzate, troppi interrogativi. e Thiago? chi è questo? non è la chimera spietata che abbiamo conosciuto nel primo libro, sembra sottotono e vinto. E poi non si capisce se lui abbia riconosciuto che l'anima di Madrigal è nel corpo di Karou.
    Ma soprattutto chi ha messo il biglietto con il nome Karou sul vaso che raccoglie le anime?
    ci tocca sperare che la continuazione ci sveli tutto il resto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erica Libri al caffè9 novembre 2018 10:00

      Secondo me è stata Karou a mettere il vaso con il suo nome così da far credere ai serafini e ad Akiva in particolare che è morta

      Elimina
  4. Sto faticando anche io (in senso lato perché si legge facilmente ), ma mi piace e mi intristisce al contempo questa Karou cinica.
    Ma thiago è da paura! Troppa gentilezza non ha a che fare con lui...

    RispondiElimina
  5. Vero, un po' di confusione c'è. Tra l'altro l'autrice sta mettendo tanta carne al fuoco ponendo alcuni personaggi in secondo piano ed introducendone di nuovi. Speriamo di essere ancora in fase esplorativa e di raggiungere presto un buon grado di coinvolgimento. (Comunque anche io mi domando cosa sappia Thiago di Karou/Madrigal. Propendo, però, per il nulla).

    RispondiElimina
  6. A me piace molto, la storia è spezzettata e non so dove l'autrice voglia portarci ma è proprio questo il bello: unire tutti i tasselli perchè la Taylor sicuramente ci sorprenderà con qualche asso nella manica! Unica cosa che mi fa storcere un po' il naso è la grande differenza tra Karou e Madrigal che, in teoria, sono la stessa persona ma, in realtà, si comportano in modo completamente diverso. Capisco che Karou ha alle spalle l'esperienza della morte e la sofferenza per la perdita di Sulphurus ma mi sembra che tra le due ci sia un abisso. Mah!

    RispondiElimina
  7. Interessante questo libro. Spero di leggere i commenti dei prossimi capitoli :)

    RispondiElimina
  8. Concordo con te Erika: quelli che dovrebbero essere i punti di forza della narrazione, cioè i continui cambi di scena e i nuovi personaggi, anziché dare dinamismo e rendere coinvolgente la lettura stanno invece creando pesantezza e staticità. Io non sto apprezzando per niente questa "strategia", mi sembra che la Taylor non sia in grado di tenere il polso della situazione dando energia sia ai personaggi che al plot.

    RispondiElimina
  9. Confusione l'ho provata anche io la prima volta, questa è una rilettura e tutto è più semplice. Adoro il fatto che niente è bianco o nero, buono o cattivo, neanche Thiago (che odio lo stesso). Lo stile però a me piace, anche così frammentario

    RispondiElimina
  10. Non riesco ancora a capirlo questo Thiago, è davvero diventato gentile per il rimorso di quello che ha fatto o è solo un modo per entrare nelle grazie di Karou?! Ma soprattutto quando torna Akiva????? :)

    RispondiElimina
  11. Erika, sono tentatissima di iniziare questa serie! Me la consigli? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo libro mi è piaciuto anche se verso la fine ha perso un po'.....questo secondo non lo so....per ora è un ni.....a questo punto, prima di consigliarla, devo leggerla tutta

      Elimina
  12. Concordo..tante informazioni più o meno utili ma che sembrano buttate lì un po' a caso giusto perché ormai aveva detto che ci sarebbe stato un seguito..non so..speriamo bene..thiago è abbastanza inquietante comunque :D

    RispondiElimina
  13. Io ancora non riesco a orientarmi. Questi continui cambi di piani narrativi non riescono a farmi seguire bene la storia.

    RispondiElimina